MERCATI ESTERI – Export made in Italy cresce del 2,7% nel primo semestre. In Giappone aumento record: +17,3%

Le esportazioni di prodotti italiani mantengono il segno positivo e nel primo semestre dell’anno fanno registrare un aumento del 2,7%, con uno scatto del +3,2% nei mercati extra Ue. Le nostre performances sono messe in evidenza dall’Ufficio studi di Confartigianato che rileva il forte contributo all’export made in Italy delle micro e piccole imprese: l’incidenza sul PIL delle esportazioni dirette delle imprese manifatturiere fino a 50 addetti è infatti pari al 3,5%, il doppio dell’1,7% della media UE.

Tra i nostri migliori clienti nella prima metà del 2019 vi è il Giappone dove l’export di prodotti italiani è aumentato addirittura del 17,3%. Segue la Svizzera con una crescita dell’11,2%. I timori di una Brexit senza accordo sta favorendo il nostro export nel Regno Unito dove. tra gennaio e giugno,  gli acquisti di prodotti italiani sono cresciuti del 9,5%.

Tendenza positiva, e superiore alla media, anche per Stati Uniti (+7,7%), Belgio (+5,6%), India (+5,1%) e Austria (+2,8%). Più contenuta la crescita delle nostre esportazioni nei Paesi Bassi (2,6%), in Francia (+2,5%), Romania (+1,3%) e Spagna (+1,2%). Al di sotto del punto percentuale la Germania, primo mercato del made in Italy, con un aumento delle nostre esportazioni che si ferma allo 0,9%. Sono in territorio negativo le vendite sul mercato tedesco per apparecchi elettrici (-5,2%), sostanze e prodotti chimici (-4,3%), prodotti tessili, abbigliamento, pelli (-2,5%), metalli di base e prodotti in metallo (-2,3%), legno e carta (-1,1%),

Nei primi sei mesi dell’anno rimangono in positivo le esportazioni verso Repubblica ceca (+0,8%), Russia (+0,4%) e Cina (+0,3%). All’opposto, si registra una diminuzione dell’export verso Polonia (-4%) e Turchia (-16,8%).

L’analisi per aree evidenzia come il buon andamento del mercato statunitense traina l’America settentrionale (+7,9%); in positivo Asia centrale e orientale (+5,4%), Africa centro meridionale (+3,4%), Paesi Ue (+2,3%) e Paesi europei non Ue (+1,9%). Con il segno negativo l’export in America centro-meridionale (-2%), Medio Oriente (-4,2%) e Africa settentrionale (-4,3%). I cali in queste ultime due aree chiave per la fornitura di energia all’Italia si associano alla pesante diminuzione (-10,5%) dell’export verso i paesi dell’Opec.

Il sito confexport.it utilizza i Cookie per poterti offrire la migliore esperienza possibile su questo sito web. L’utente del sito acconsente al posizionamento di cookies funzionali e analitici. I Cookie utilizzano diversi metodi per postare dati su o per leggere dati dai dispositivi dei visitatori, ad esempio dal tuo computer fisso, computer portatile, tablet o smartphone. Cliccando sul bottone “ho capito” qui accanto acconsenti al posizionamento di Cookie per fini funzionali e analitici. Senza il tuo consenso nessun Cookie verrà attivato, ma la tua navigazione su questo sito sarà limitata. Cliccando sul bottone “più info” potrai leggere l’Informativa estesa sui Cookie di Confartigianato Imprese. più info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi